Torna all'elenco News

Maturità organizzativa e Project Management
22/06/2016

La maturità dell’attività di Project Management nelle aziende viene misurata tramite l’impiego dei “maturity model” che aiutano a valutare come si colloca un’organizzazione rispetto alle altre e alle sue potenzialità.

Il più famoso di questi modelli risale al 1987 ed è il Capability Maturity Model (CMM) sviluppato dal Software Engineering Institute (SEI) con lo scopo di valutare la maturità dei metodi per lo sviluppo dei software.

Tali modelli permettono di individuare le aree manageriali di miglioramento dove sono presenti i maggiori guadagni possibili.
L’Istituto Italiano di Project Management ISIPM in collaborazione con Russell D. Archibald e Darci Prado, promuove anche in Italia una ricerca sul livello di maturità delle organizzazioni in merito alla corretta applicazione di sistemi, strutture, metodologie e tecniche di Project Management.
Questa ricerca si basa sulla compilazione di un questionario di 40 domande alle quali è possibile rispondere on-line, previa registrazione, e ha finalità puramente scientifiche in quanto i risultati saranno utilizzati per un benchmarking competitivo o generico.

I risultati dei singoli questionari verranno inviati esclusivamente ai diretti interessati sotto forma di report grafici e i dati di tutte le unità rispondenti verranno invece inseriti in un report di benchmarking anonimo il cui obiettivo è fornire una visione d’insieme del grado di maturità nel project management delle realtà italiane. Di seguito il grafico di una azienda campione anonima dove sono mostrati i risultati ottenuti in relazione allo sviluppo del PM.

Maturità organizzativa e Project Management

Pier Luigi Cattò

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su