Torna all'elenco News

La cultura del progetto in azienda
22/06/2016

Molte aziende utilizzano le metodologie di project management per gestire i progetti che, non rientrando nell'usuale modello di business, necessitano di una programmazione ed organizzazione specifica.

In altri casi il PM si rende utile quando, lavorando su molteplici e differenti commesse si rende necessario un approccio che consideri ogni commessa come un progetto a sè stante. Per sviluppare il project management, oltre alla formazione dei gestori di progetti, è importante che in azienda si sviluppi una “cultura del progetto” che permetta di far convivere agevolmente un’organizzazione normalmente strutturata per funzioni (amministrazione, commerciale, ufficio tecnico, produzione, marketing, logistica, …) con una struttura orientata ai progetti.La cultura del progetto in azienda

I vantaggi che derivano dall’implementazione delle metodologie e della cultura del project management sono molteplici:

  • pianificazione dei progetti più standardizzata e controllata
  • miglioramento delle capacità di gestione dei progetti
  • sfruttamento delle possibili sinergie tra progetti
  • riduzione del livello di conflittualità
  • maggiore rispetto delle tempistiche e dei preventivi
  • creazione di una knowledge di project management aziendale.

La realizzazione dei progetti necessita di attività e risorse di vari dipartimenti funzionali dell’azienda, i quali devono interagire con i project manager in maniera fluida, senza che si inneschino tensioni dovute alle differenti percezioni delle priorità dei vari progetti o alla doppia catena di comando (responsabile della funzione e project manager).
La percezioni dei “ruoli” dei vari partecipanti al progetto è indispensabile al fine di evitare malintesi: sarà ad esempio il project manager a defiire obiettivi, scadenze e vincoli, ma sarà il responsabile di funzione o un suo delegato a decidere quali risorse impiegare e secondo tali tempistiche. Se all’interno di una struttura i progetti sono molteplici, sorgerà la necessità di supervisionare il loro andamento e di assicurare una certa uniformità di pianificazione, esecuzione e controllo degli stessi. Questa funzione di “office project management” è utile anche per standardizzare la strumentazione di project management all’interno dell’azienda, per tenere traccia dei progetti passati, dei loro motivi di successo o insuccesso e per definire i percorsi di crescita professionale dei project manager.

Lo sviluppo della cultura dei progetti e delle funzioni preposte alle gestione dei progetti determinano il livello di maturità di project management all’interno di un’organizzazione.
Il processo di sviluppo della maturità aziendale, come si può osservare sopra in figura, segue un percorso che va dall’introduzione in azienda delle metodologie, per passare alla loro divulgazione, alla realizzazione di un modello standardizzato, perfezionandosi attraverso una gestione integrata, raggiungendo così piena maturità.

Paolo Di Marco e Daniele Rimini sono docenti accreditati ISIPM. Pd For Consulenza Direzionale realizza corsi propedeutici alla certificazione base di Project Management con la supervisione scientifica di ISIPM: è in programma la terza edizione nel mese di settembre 2015. Clicca qui per approfondire.

Pier Luigi Cattò

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI