Torna all'elenco News

Le reti di imprese e l’Europa: Bando di gara della Regione Lazio
22/06/2016

Le reti di imprese e l’Europa: Bando di gara della Regione Lazio “insieme per vincere”Riprendiamo il discorso relativo all’Avviso pubblico emanato dalla Regione Lazio, denominato “Insieme per vincere”, di complessivi 50 milioni di euro, in attuazione del Programma Operativo Regionale (P.O.R.) “Competitività regionale e occupazione” 2007/2013, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR). Con detto Bando la Regione Lazio promuove la realizzazione di progetti da parte di aggregazioni di imprese laziali, nelle forme di ATI, ATS, CONSORZI e CONTRATTI DI RETE, appartenenti ai settori dell’industria, dell’artigianato e dei servizi, al fine di accrescerne la capacità innovativa e la competitività sul mercato, nonché di razionalizzarne i costi e consentire occasioni di scambio e di conoscenze. Ci interessa particolarmente sottolineare come, attraverso il sostegno finanziario in favore delle Reti di Imprese, sia stata pienamente riconosciuta la validità del nuovo Istituto.

La partecipazione al citato Avviso Pubblico potrà aver luogo dalle ore 9.00 del giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio dello schema di formulario da compilare “on line” per la presentazione delle domande e rimarrà aperto fino al 30 giugno 2014, ovvero fino all’esaurimento delle risorse stanziate.

Tipologia di intervento

START UP di RETI”: Progetti imprenditoriali finalizzati alla costituzione di aggregazioni tra imprese nella forma del “Contratto di rete” di cui all’articolo 42 della Legge n. 122/2010

START UP di RETI” viene rivolta alle costituende aggregazioni di imprese sotto forma di “Contratto di Rete”, di cui all’art. 42 della Legge n. 122/2010, ovvero costituite in tale forma da non più di sei mesi al momento di presentazione della richiesta.

Per detto intervento è stato previsto uno stanziamento complessivo di 4 milioni di euro fino al 31 dicembre 2014, qualora al 31 dicembre 2013 risultino concessi almeno 2 milioni di euro di contributi per tale tipologia.

Per i Progetti imprenditoriali relativi alla tipologia “Start up di Reti” sono finanziabili le spese per l’acquisizione di servizi reali necessarie ad elaborare il Programma di rete ed a pervenire alla stipula del Contratto di rete, con un importo complessivo di spesa non inferiore a 50 milioni di euro e non superiore a 200 milioni di euro.

I Progetti imprenditoriali finanziabili per gli “Start Up di Reti” sono costituiti essenzialmente da:

  1. Spese sostenute per l’acquisizione di servizi reali necessarie ad elaborare il Programma di Rete (comprendente finalità e progetti); di dette spese risultano principalmente ammissibili:
    • I costi attinenti al progetto imprenditoriale per attività realizzate in sedi operative localizzate nel Lazio e sostenuti per prestazioni di servizi di consulenza, quali, a titolo non esaustivo, quelli per le Certificazioni di qualità di processo e/o di prodotto, le Certificazioni ambientali di processo e di prodotto presso le PMI da parte di soggetti certificatori indipendenti accreditati ecc. (EMAS, ISO, UNI, SA 8000 per il miglioramento delle condizioni di lavoro, salute e sicurezza, OSHAS 18001); i servizi di marketing strategico finalizzati anche all’internazionalizzazione; le consulenze per l’assistenza tecnica, giuridica e fiscale per la definizione di accordi industriali o commerciali a rilevanza internazionale; gli studi di fattibilità per la realizzazione di nuovi prodotti e/o nuovi servizi per i mercati esteri ecc.. L’intensità massima dell’aiuto alle PMI, per i servizi di consulenza e per la partecipazione a fiere, è pari al 50% delle relative spese.
  2. Spese sostenute per pervenire alla stipula del Contratto di Rete:
    • i costi per i servizi di consulenza prestati da “Manager di Rete” per la gestione della fase di start up del Contratto di Rete limitatamente al periodo di elaborazione del Programma di rete, purché il termine contrattuale per lo svolgimento di tale attività non ecceda i dodici mesi.
    • i costi per i servizi di consulenza per la redazione del piano industriale del Contratto di Rete, nonché per eventuali analisi di fattibilità, audit, assessment organizzativo finalizzati ad individuare i punti di forza, di debolezza e le criticità legate al processo di aggregazione, con la conseguente individuazione delle eventuali azioni correttive da realizzare attraverso l’attuazione del programma di rete
    • i costi per le attività di qualificazione tecnica delle figure professionali coinvolte dal progetto di innovazione organizzativa
    • i costi sostenuti per attuare Ricerche di mercato, Piani di marketing strategico per lo sviluppo commerciale nazionale ed internazionale
    • i costi sostenuti per l’ideazione di brand, design di prodotto ed ulteriori spese di comunicazione e marketing della Rete
    • i costi dei servizi di consulenza per la predisposizione o l’integrazione dei modelli organizzativi aziendali ex D.Lgs. 231/01
    • i costi dei servizi di consulenza per la redazione del Contratto di Rete, le spese notarili ed i costi connessi.

Particolare cura dovrà essere prestata alla figura del “Manager di Rete”, specificatamente prevista nel Bando (Art.3) e definita anche “temporary manager”, quale soggetto “appositamente contrattualizzato per gestire i rapporti delle imprese aggregate in forma di Contratto di Rete, nonché l’esecuzione del contratto o di singole parti o fasi dello stesso. Le competenze manageriali sono attestate da idoneo titolo professionale o da curriculum comprovante adeguata esperienza e corrispondente al ruolo svolto all’interno del Contratto di Rete”.

Detta figura professionale trova importante riferimento, sia nella fase costitutiva delle aggregazioni per pervenire alla stipula del Contratto di Rete, che in quella gestionale ove essa può rivestire il profilo di “governance”, volta all’esecuzione delle Finalità, del Programma e dei Progetti espressamente previsti nel medesimo Contratto di Rete.

Filiberto Cacciari

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su