Torna all'elenco News

Welstep: la prima rete d’impresa per il Welfare
22/06/2016

Il piano di Welfare inter aziendale è stato presentato il 2 dicembre in AIB (Associazione Industriale Brescina) da Aldo Bonomi, Presidente di RetImpresa, alla presenza del Ministro del Lavoro, Giovanni Poletti. Il progetto coinvolge 13 aziende, di cui 11 bresciane.

Il nuovo contratto di rete, primo contratto di rete italiano per il welfare aziendale, si chiama Welstep, oggi vi aderiscono 13 imprese di cui 11 bresciane, come Cromodora Wheels, Rubinetterie bresciane Bonomi, Trafilerie Carlo Gnutti ed in tutto riguarda 2.100 dipendenti.

Rimborsi per l’educazione, per spese mediche, contributi al fondo pensione, buoni spesa, corsi non professionalizzanti, ingressi al cinema e in palestra sono alcuni dei benefit previsti dal piano di welfare collettivo. L’obiettivo della rete è quello di fare massa critica per organizzare, in modo coordinato e studiato, piani aziendali con economie di scale, utili soprattutto per le pmi.

Un progetto pilota che il ministro ha definito come “un’esperienza da monitorare ed i cui risultati potranno essere molto utili ed utilizzabili in futuro”.

Secondo Aldo Bonomi: “Questo progetto è solo il primo passo, un esempio di aggregazione che vorremo diventasse un punto di riferimento per altre aziende. Soprattutto quelle di piccole dimensioni che da sole non riuscirebbero a sostenere i costi di un piano di welfare”. 

Aldo Bonomi prosegue: “Il nostro obiettivo è quello di rendere sempre più competitive le aziende creando le migliori condizioni di lavoro possibili e mettendo a disposizione dei collaboratori una serie di benefit, un modo per investire sulle persone che continuano ad essere il vero valore aggiunto delle nostre imprese”.

Questa strategia è stata molto apprezzata dal ministro Poletti che ha commentato: “E' importante che la collaborazione tra imprese e lavoratori vada oltre il contratto. Il welfare pubblico deve continuare a garantire tutti i cittadini ma può essere integrato con quello aziendale.”

Per maggiori informazioni in merito, si rimanda all'articolo del Sole24Ore, disponibile al link sottostante.

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI