Torna all'elenco News

La teoria dei 6 secondi
22/06/2016

Il successo di una comunicazione efficace? Pensare al branding come a una marketing story: il racconto di un marchio oggi è indissolubilmente vincolato alla partecipazione dell’audience. In assenza di questo aspetto parliamo semplicemente di una serie di informazioni che cadono nel vuoto senza attecchire da nessuna parte. Questa la fondamentale premessa da cui è partito l’esperto Bill Fasig per delineare la propria personale teoria sulla comunicazione.

Fasig ha avuto una lunga esperienza nel settore, avendo lavorato in Apple e GameTech International, ed al momento è Chief operating officer e managing partner presso TopRight Partners.

Emozionare, semplificare e rendersi memorabili: la triade fondamentale per una comunicazione efficace secondo il manager.

“Il marketing non chiude la vendita, apre la conversazione”, afferma Fasig, “I brand hanno approssimativamente solo 6 secondi per attrarre il consumatore e lasciare un segno a lungo termine. In questo battito di ciglia, non uno di più, i marchi devono dare alla persona una ragione perché le importi continuare a comunicare, incuriosendola e sorprendendola”.

“Ogni grande storia e ogni grande brand sono costruiti intorno a semplicità, chiarezza e linearità e hanno saputo ridurre la complessità a un unico filone narrativo. Si tratta di qualcosa che si ha o non si ha, senza mezze misure, e che deve innanzitutto partire dall’interno”.

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI