Torna all'elenco News

I fattori che influenzano l’offerta odontoiatrica
11/10/2016

Per lo studio dentistico è particolarmente importante conoscere e comprendere il contesto in cui opera, analizzando ciascun fattor esterno ed il micro ambiente interno di riferimento. Quali fattori del mercato influenzano l’offerta odontoiatrica?

Una prima categoria di fattori deriva direttamente dai pazienti mentre una seconda parte è inerente a variabili di natura industriale, normativa o professionali. Tutti questi fattori sollecitano simultaneamente l’offerta odontoiatrica e impongono ai professionisti continui e sempre più rapidi cambiamenti organizzativi e strutturali.

Risulta particolarmente interessante il fatto che molti dei fattori presentati siano interconnessi con dinamiche di tipo sociale (fattori demografici, culturali e sanitari). In particolare, per quanto concerne i fattori demografici (spesso sottovalutati), questi risultano essere particolarmente incidenti in una visione di lungo periodo. Pensiamo ad esempio all’incremento dell’età media della popolazione italiana: gli studi e le rilevazioni ISTAT confermano che l’Italia abbia l’indice di vecchiaia tra i più altri al mondo, con un trend di iscrizioni all’anagrafe decrescenti. Questo significa che le patologie saranno più frequentemente quelle tipiche di età non giovani e che le prestazioni richieste avranno spesso carattere di ripristino o riabilitazione di elementi protesici pre-esistenti. I fattori di tipo culturale permettono di comprendere meglio il modello di valutazione dei consumatori (pazienti) e di conoscere i loro bisogni. I pazienti sono sempre più informati, hanno ampie possibilità di effettuare comparazioni con altri studi e richiedono prestazioni ad alto valore aggiunto. Cresce inoltre l’interesse verso i benefici di carattere estetico, in cui la prestazione odontoiatrica non è più solo una soluzione ad esigenze connesse alla propria salute fisica, ma riesce a rispondere a esigenze sociali, in cui l’individuo abbia piena realizzazione di sé, minimizzando eventuali disagi legati all’aspetto estetico. Interessante ai fini di sviluppo del mercato di riferimento la crescente attenzione verso l’infanzia e la prevenzione rivolta ai bambini; ne sono dimostrazione le frequenti iniziative portate avanti da strutture scolastiche, rivolte alla collaborazione con studi dentistici con particolari convenzioni o proposte. 

Analizzando il profilo tecnico attuale, è evidente che il mercato abbia subito profonda trasformazione grazie alle recenti tecnologie, sia per quanto riguarda le possibilità interne alla filiera produttiva (R&D per le strumentazioni ad esempio) sia per quanto concerne gli strumenti a disposizione dei pazienti (ricerca informazioni) che degli studi (nuove possibilità per le attività di marketing e comunicazione, nuovi strumenti per la gestione di struttura, agenda e pazienti).

Le influenze di tipo economico sono particolarmente rilevanti negli ultimi anni e coinvolgono fortemente il settore dentale. In primo luogo la crisi che ha investito l’Italia insieme al resto d’Europa ha inciso fortemente sulla propensione dei pazienti a recarsi in studio, seguendo adeguati piani di prevenzione e trattamento. La stretta sul credito ha inoltre aggravato la situazione delle famiglie italiane, inclini a rispondere alle necessità di cure odontoiatriche attraverso piani di finanziamento.

Trasformazioni delle patologie (connesse ai fattori demografici di cui sopra), nuove possibilità inerenti i sistemi di diagnosi e trattamento ed un crescente approccio olistico in odontoiatria, concorrono a modificare le consuete dinamiche del settore e determinano nei pazienti il manifestarsi di nuove necessità. Pensiamo ad esempio a una variabile che sino a qualche decennio fa non era avvertita come necessità sanitaria: l’odontoiatria estetica. Oggi, il concetto di wellness e di benessere psico-fisico della persona porta a concepire terapie o interventi di odontoiatria estetica come reali necessità sanitarie, determinando un nuovo settore di particolare interesse per gli studi. Ovviamente intervengono anche fattori indipendenti dalle evoluzioni inerenti ai pazienti; il professionista è chiamato a confrontarsi con elementi che riguardano gli sviluppi del settore normativo e professionale, nonché industriale. 

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su