Torna all'elenco News

Valutazione di convenienza economica con fattore scarso
15/11/2017

Uno dei principali vincoli di cui le aziende dovrebbero tenere conto quando prendono le loro decisioni strategiche è che le risorse (raggruppabili in tre categorie, umane, tecnologiche ed economiche), cui possono attingere, sono per definizione scarse.

Se si considera tale fattore, il margine di contribuzione diventa uno strumento di analisi molto efficace per scegliere le azioni migliori da intraprendere per massimizzare il profitto, in quanto esprime l’utilizzo di una specifica risorsa nei riguardi di un’altrettanto definita attività aziendale. Mettere in relazione il valore del margine di contribuzione con la misura della risorsa utilizzata significa quantificare la capacità di quella risorsa di generare marginalità.

Il funzionamento di un’impresa può essere valutato, infatti, attraverso la c.d. analisi “costi – volumi – risultati”, che consente di quantificare il volume di attività necessario per conseguire l’uguaglianza tra ricavi e costi e che consiste nel prendere in considerazione la relazione tra tre grandezze: i costi sostenuti, i volumi di produzione realizzati e i risultati economici conseguiti.

Il margine di contribuzione unitario, dato quindi dalla differenza tra prezzo unitario di vendita e costo variabile unitario, rappresenta il beneficio economico netto che ogni singola vendita apporta all’azienda o, in altri termini, la quantità di ricavo che l’azienda riesce a mantenere dedotti i costi sopportati per la sola realizzazione e vendita del prodotto.

Tale margine sarà destinato alla copertura dei costi fissi, ovvero di quei costi che l’impresa dovrà sostenere in ogni caso indipendentemente dalla produzione realizzata. È evidente che maggiore sarà tale margine e maggiore sarà la capacità dell’azienda di generare risultati economici positivi e soddisfacenti.

Il margine di contribuzione costituisce un fattore di estrema importanza per le aziende in particolare nel momento in cui queste si trovano di fronte a scelte di breve periodo.

Appare quindi chiaro che le scelte di utilità si rafforzano in presenza di fattori scarsi proprio perché la volontà di indirizzare la risorsa verso specifiche attività diventa una priorità per la massimizzazione della resa economica.

Per capire meglio tale logica si offre un esempio numerico. Si supponga un’azienda che produce due prodotti: prodotto A e prodotto B, il cui prezzo è rispettivamente 25 € e 35 €  e il costo variabile unitario 12 € e 16 €.

Di conseguenza i due margini di contribuzione unitari saranno pari a 13 € e 19 € visto che MdC unitario = P- CVu.

Supponiamo poi che il fattore scarso che l’azienda deve monitorare sia rappresentato dalla capacità produttiva di un macchinario, che è di 10 ore (nel senso che a tale fattore produttivo rimangono 10 ore e poi la sua capacità produttiva sarà saturata). E’ ovvio che davanti ad una tale situazione l’azienda non può continuare a produrre entrambe i prodotti, ma deve optare per uno dei due, ovvero deve scartare il prodotto che ha un margine di contribuzione minore e che necessita di un maggior impegno produttivo. Per il prodotto A occorrono 0,3 h macchina, per il prodotto B 1 h e 5 min (=1,083 h).

Per decidere quale prodotto continuare a produrre si utilizza la seguente formula, che in questo caso prende il nome di margine di contribuzione orario

  • MdC/Fattore Scarso

Quindi in base ai dati che si conoscono per i due prodotti si avrà:

  • Prodotto A = 13/0,3 = 43,33 €/h macchina
  • Prodotto B =19/1,083 = 17,54 €/h macchina

Da tale procedimento emerge chiaramente come, sebbene il prodotto B presenti una marginalità unitaria di molto superiore a quello A, conviene produrre quest’ultimo in quanto permette di realizzare una marginalità oraria di primo livello più che doppia rispetto a B. 

 

Se vuoi approfondire gli argomenti, visita il nostro store e leggi la prefazione del libro "Il controllo di gestione a supporto delle decisioni aziendali".

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI