Torna all'elenco News

5 Accorgimenti per pubblicare post più efficaci su Facebook
18/05/2018

Recentemente Facebook ha introdotto una nuova forma di controllo per i post generati automaticamente da siti di terzi, il New Feed FYI (nuovo giudizio per le tue informazioni). Assieme a New Feed FYI sono stati anche aumentati i controlli per quanto riguarda il materiale condiviso sul social. Tutto ciò è figlio delle nuove normative sulla privacy che ormai tutti i social network da Maggio 2018 hanno cominciato a cambiare.

La domanda sorge spontanea “Come pubblicare post di qualità su Facebook?”

Per rispondere elencheremo i 5 consigli per poter rendere interessante ciò che pubblichiamo.

1 La lunghezza del post

Mantenere sempre vivo l’interesse dell’utente è un’impresa complessa, ma un semplice trucco è LESS IS MORE. Se il testo sarà lungo allora l’interesse scemerà, più il post è semplice e conciso più interesserete i vostri utenti. Dando per assunto che la lunghezza sia inversamente proporzionale all’attenzione prestata è opportuno fare alcune precisazioni:

  • Il post deve essere fluido e di facile Comprensione
  • Il post deve contenere l’essenziale
  • Il post deve invogliare a seguire il tuo operato magari mettendo un link immediatamente sotto il post
  • Il post contiene l’essenziale ma il messaggio di base deve passare

 

2 Facebook Timing

Quando si pubblicano i post su Facebook?

Per capire quando è il momento più giusto per pubblicare bisogna innanzi tutto analizzare i dati di insight, ovvero dati presenti nella sezione di analisi della pagina relativi alle visite, visualizzazioni, like e condivisioni degli utenti.

Indicativamente esistono dei parametri comuni per quando pubblicare i post:

  • La frequenza deve essere aumentata per gradi, di solito si comincia con 1 post ogni due giorni per poi arrivare a 2 pubblicazioni giornaliere.

Attenzione a come si abitua la propria utenza mai esagerare, perché quando il seguito diventa importante l’utenza pretende, come un tacito accordo una certa regolarità nelle proprie pubblicazioni.

  • Le fasce orarie di pubblicazione sono più o meno le stesse per tutti e sono comprese tra le 12 e le 15, e le 18 e le 21.

 

3 Facebook is Visual

Facebook punta molto, se non tutto sugli aspetti visivi. Non avere una foto o video del post equivale a non averlo pubblicato perché non si genera engagement. L’immagine ha delle dimensioni standard definite e quindi bisogna fare attenzione alla foto che si pubblica. Le dimensioni standard sono di 403x403 pixels per i post di immagini condivise e di 843x403 pixels per ogni post con immagini portate in evidenza.

 

4 Metti in ordine i tuoi post

Fissare in alto e mettere in evidenza i post consente di far risaltare gli argomenti che si vuole portare all’attenzione dell’utenza. Di solito i post che vengono evidenziati sono o i nuovi post oppure i post importanti per quella pagina in quel dato periodo. Tutto dipende dalla strategie che si vuole adottare ma l’utilità è la medesima in entrambi i casi.

 

5 I post da evitare

Inoltre è bene ricordare quali post sono controproducenti prendendo per assunto che il materiale mostrato segua le regole del buon senso. Principalmente i post malvisti dall’utenza e che di conseguenza non portano risultato, sono:

  • I post “like baiting”: sono quei post che inducono l’utente a cliccare sul like grazie ad un titolo che non ha niente a poco o niente a che vedere col contenuto effettivo dell’articolo, o sia la foto che il titolo del post sono forvianti. Questa strategia porta si molti like e condivisioni, non sono reali perché appena l’utente vede la discrepanza tra facciata e contenuto si sente ingannato e sicuramente non seguirà mai la vostra pagina.
  • IL Riscatto: altra strategia poco furba ma dipende dalla sensibilità dell’utenza. Può capitare di richiedere un certo numero di like e condivisioni per poter pubblicare un prossimo post, ma sarai sempre legato alla promessa fatta sulla rete (altrimenti si perde di credibilità) e dai il messaggio di stare cercando solo della visibilità. Se l’idea della tua compagnia o la tua figura professionale è interessante, genererà da sola popolarità. Mai forzare la mano in questi frangenti.
  • Post che spammano link; lo spam è sempre sgradito a tutti fin da quando è stata inventata la mail, ma peggio dello spam è creare un post click bait e indurre la gente a cliccare su un link. Il sito del link generalmente può essere di un sito pieno di pubblicità, ma nei casi peggiori si tratta di virus o rimanere schedato a vita nei data base ricevendo lettere di spam sulla propria mail personale. Se l’utente si imbatte in una questione del genere di solito fa girare la voce fornendovi cattiva pubblicità.

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su