Torna all'elenco News

PROJECT MANAGEMENT SPORTIVO
19/09/2019

La disciplina del Project Management sta entrando in maniera sempre più forte e preponderante anche nel mondo dello sport.

Nel contesto sportivo gli strumenti e le tecniche del Project Management posso essere molto validi per pianificare adeguatamente i tempi ed i costi legati ad un progetto. Inoltre, ciò può permettere di portare avanti e gestire parallelamente più progetti tra loro collegati dal punto di vista degli obiettivi e delle risorse coinvolte. Difatti, articolato e multiforme, quello sportivo si presta come ambito assolutamente atto al perseguimento di obiettivi, non solo di carattere tecnico sportivo, ma anche economico ed organizzativo.

I concetti base di un progetto applicabile al contesto sportivo:

  • Specificità e singolarità del progetto che porti ad un risultato nuovo ed unico, con caratteristiche non ripetibili perché dipendenti dagli obiettivi prefissati, dalle risorse utilizzabili, dal budget disponibile, dai vincoli di tempo, ecc.
  • La transitorietà dei progetti, con un momento d’inizio ed uno di fine ben definiti. Ogni progetto sportivo deve avere una durata, che può essere anche di diversi anni, e avanza di fase in fase che, il più delle volte, soprattutto nella fase d’ideazione di un nuovo progetto, è complicato distinguere e dividere nettamente le une dalle altre.
  • Definizione di obiettivi attinenti, considerando il risultato che si vuole ottenere e una gerarchia delle priorità: adeguati rispetto alle caratteristiche dell’Associazione o della Società Sportiva e alle condizioni dei soggetti coinvolti nel progetto; concreti perché devono essere tradotti in azioni operative; misurabili nei progressi e negli sviluppi; riferibili ad un tempo, definendo date entro cui l’obiettivo deve essere raggiunto, le scadenze sono utili per rispettare i programmi e motivare le persone.
  • Interfunzionalità, vi è la necessità di convergere diverse aree, diversi settori, diverse risorse della Società Sportiva stessa verso il risultato. Tutti, dal presidente al magazziniere, devono operare in un’ottica collaborativa. È indispensabile superare gli ambiti di specializzazione e agire con comportamenti cooperativi, avendo una visione d’insieme del progetto sportivo in cui ci si è coinvolti.
  • Risorse scarse e disponibilità limitata, dalle quali sorge il problema di un uso efficiente delle stesse. Ciò è evidente soprattutto nell’ambiente sportivo che, come sappiamo, si poggia sull’attività del volontariato: in tale sistema, è doveroso fare delle scelte.
  • Gestione del progetto sportivo in relazione al grado organizzativo della Società Sportiva, alla sua capacità di adattarsi alle situazioni complesse e dinamiche in cui il progetto viene attuato ed in cui, molto spesso, naviga il mondo dello sport.

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su