Torna all'elenco News

L'eccellenza vitivinicola italiana verso oriente
22/06/2016

A Chengdu, nella regione cinese dello Seichuan, un fuori salone collegato a Vinitaly International che ha l'obiettivo di promuovere il settore vitivinicolo italiano in Cina

Secondo Giovanni Mantovani e Stevie Kim, rispettivamente Direttore di Verona Fiere e Responsabile di Verona Fiere International, l'approccio al mercato cinese non può avvenire se non si comprende e conosce in maniera adeguata il contesto dei mercati locali e questo può avvenire solo attraverso la concreta visita  e scoperta di questo territorio: 

"Il Vino italiano è complicato, districarsi è difficile, il nostro compito è quello di riuscire a spiegare alla Cina di cosa si tratta in maniera coerente, per questo è importante che si abbia un'idea precisa di quello che il mercato cinese è"

 (Stevie Kim)

Vinitaly ha deciso, seppur con alcuni limiti, di lanciarsi in questo mercato, proponendosi di portare il settore a svincolarsi dalla quota del 2% sulle importazioni cinesi, che ci relega in second'ordine rispetto a competitor quali Francia, Spagna, Australia, Cile e ultimamente Sud Africa. Il fuori salone ha portato ad una consapevolezza fondamentale per chi intende proporsi in Cina: le parole d'ordine per avervi successo sono due, training e presidio concreto del territorio. I prodotti italiani riscuotono grande apprezzamento nei mercati orientali, a patto che ne venga trasmetto il valore, la passione che risiede alla base della produzione. I cinesi in particolare sono molto sensibili e interessati alle modalità di produzione, al modus operandi, alle tecniche e alle caratteristiche che differenziano il vino italiano. Per questo, la missione di chi promuove il vino nostrano in Cina deve essere quella di trasmettere la particolarità del settore vitivinicolo italiano, raccontando della tradizione che vi sta a monte, condita di passione e di inestimabile esperienza degli operatori.

Al fuori salone grande successo ha ottenuto ad esempio l'Amarone; "I cinesi che lo hanno compreso se ne sono innamorati. Come? Assaggiandolo: il training è fondamentale, bisogna spiegar loro come viene prodotto, aiutarli a capire come avvicinarsi alla degustazione"

Pd For conosce la fondamentale importanza del comparto vitivinicolo all'interno del nostro sistema paese ed ha sviluppato proprio per questo settore strumenti e modelli di efficientamento produttivo; proprio per mantenere costante la conoscenza e l'approfondimento delle dinamiche del settore, presenzieremo al prossimo Vinitaly, che si terrà a Verona dal 6 al 9 Aprile prossimo, dove saranno presenti anche la maggior parte delle aziende intervenute al fuori salone di Chengdu. 

Non solo il "vine" ha compreso che non basta avvicinarsi ai mercati orientali, ma che sia ormai tempo di correre: un altro esempio è dato dal format proposto e attivato dalla fiera di Genova, che ha istituito a Shangay una esposizione della durata di due anni in cui le aziende del settore alimentare, moda, arredo e design potranno non solo avviare relazioni con i relativi stakeholder, ma potranno anche incominciare a vendere concretamente. L'operazione porterà alla nascita dell' "European City Shangay", il primo centro dedicato alla promozione e alla vendita di prodotti europei, made in italy in testa ovviamente. Questa sarà una immensa opportunità per le realtà imprenditoriali italiane, che vedranno realizzarsi la possibilità di sbarcare in Cina a costi relativamente contenuti. 

Simona Raccagni

Newsletter

Rimani aggiornato: iscriviti alla newsletter

Invia

Social

Seguici su

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI